Articoli con tag Lottomatica

1 24 11

L’importanza dei social media nel gambling

0

È innegabile come internet abbia assunto un ruolo sempre più di rilievo nella vita delle persone: la ricerca di informazioni, di svago o la necessità di comunicare a distanza hanno fatto (e faranno) sempre più un frequente uso della rete come canale principale a cui attingere. La sua rapida e capillare espansione è indubbiamente dovuta allo sviluppo concomitante delle tecnologie ad essa connesse, tecnologie che hanno portato alla nascita e diffusione, soprattutto negli ultimi anni, dei social media, un fenomeno anch’essi che sta sempre più acquistando influenza sulla società. Se difatti fino a non molto tempo fa l’utilizzo della rete avveniva in maniera passiva, ovvero raccogliendo le informazioni veicolate dal web messe a disposizione dai propri autori (una comunicazione one to many or few to many), ora ci troviamo di fronte ad una visione del web interattiva, dove l’utente stesso genera contenuti, li mette online, li condivide e li diffonde (many to many).

Lo sviluppo dei social media ha quindi portato, si potrebbe dire, ad un legame molto più stretto tra vita online e offline di quanto non era che pochi anni fa. Non solo difatti ora la rete permette di ampliare le interazioni tra gruppi in modalità prima non disponibili, ma eventi nati sul web stanno sempre più manifestando dirette ripercussioni nella vita reale, basti pensare al numero di arresti crescente dovuti a conversazioni o materiale veicolato sui social network.

Volendo contestualizzare questo fenomeno nel gambling, è importante dare qualche numero come indicatore di massima da cui partire. Osserviamo ad esempio il tempo speso effettivamente nelle community e nel gioco online, riassunto da una recente ricerca nella tabella seguente:

Tempo mensile speso per categoria, totale e per utente

Fonte: UKOM/Neilsen home and work panel, 2012

Più del 24% del totale della popolazione che fa uso di internet fa anche uso di giochi in maniera costante (PopCap Games, 2010), ed ogni individuo mediamente spende, al mese, oltre 4 ore su un gioco online.

Il social gaming coinvolge, ogni mese, circa il 12% dell’intera popolazione mondiale e, di questa ben l’83% partecipa al gioco attraverso Facebook. A questo punto è interessante osservare il fenomeno per fasce d’età: la tabella seguente ci mostra infatti la particolare concentrazione di giocatori nel range che va dai 30 ai 60 anni:

Età dei Social Gamers

Fonte: Digital Boom/PopCap, 2011

Il social gaming quindi è un fenomeno che coinvolge un’ampissima fascia della popolazione internet. Inoltre, di questi ben 50 milioni utilizzano giochi d’azzardo online e, assieme, cubano 1,7 miliardi di dollari l’anno (Morgan Stanley, 2012).

L’analisi è quindi sicuramente ampia, e pertanto ci concentreremo in questo articolo nell’osservare il fenomeno sui principali social network (per numero di utenti): Facebook (che allo stato attuale dovrebbe aver superato l’1,1 miliardi di utenti), e Twitter (oltre i 500 milioni).

Le tabelle successive vogliono approfondire come i diversi concessionari presenti in Italia siano presenti su questi due siti, vista l’indubbia importanza che hanno assunto. L’analisi ha preso in considerazione la numerosità dei follower, la frequenza dei post da parte del gestore della pagina, il grado di coinvolgimento osservato (su Facebook) da parte degli utenti, e l’eventuale frequenza di iniziative di tipo promozionale da parte dei gestori, veicolate tramite questo canale:

Presenza e proattività dei concessionari osservati, su Facebook e Twitter

Fonte: Giocaigiochi.it, novembre 2013

Come è possibile osservare, Paddy Power, Bwin e Pokerstars sono i principali concessionari attivi per numero di utenti, grado di partecipazione e attività su Facebook, e altresì mantengono la stessa posizione anche su twitter, sebbene quest’ultimo venga usato unicamente per segnalare partite e/o eventi sportivi a cui i follower potrebbero partecipare, e nient’altro. E’ inoltre interessante notare come sia Paddy Power che Pokerstars abbiano anche una pagina dedicata agli utenti italiani, ad ulteriore conferma della proattività dimostrata verso i canali social. L’unico concessionario che si è scostato dall’utilizzo “classico” di twitter è risultato Betpro, con un focus sulla risoluzione dei problemi dei propri utenti (un utilizzo simile ad un helpdesk). Casinoplanet, Bestingame e Betflag sono invece assenti su uno dei due canali, mentre Sisal, Winga, Betpro, Betpoint e nuovamente Casinoplanet mostrano uno scarso utilizzo dei canali presidiati, affiancato da pochissime iniziative promozionali e risultante pertanto in uno scarso interesse da parte degli utenti.

Queste osservazioni ci portano a dedurre come un maggior grado di coinvolgimento degli utenti sia fortemente legato a quanto il concessionario curi la propria pagina e i propri eventi: dove infatti questa attenzione risulta scarsa o inesistente, i follower si riducono drasticamente. Interessante l’approccio più “tecnico” di Betpro, che tuttavia non sfrutta in questo modo la forte capacità di fare community insita in questi canali.

In linea generale si è potuto osservare come ancora il canale dei social network risulti di difficile comprensione: molte società ne percepiscono l’importanza, ma tuttavia non sono in grado di capire come canalizzarne le potenzialità all’interno del proprio business. Dove sicuramente tali iniziative non sono in grado di coinvolgere appieno gli utenti, spesso risultano anzi deleterie per il brand, producendo spesso poco più di un sito sterile, con un bassissimo grado di interattività o, peggio, completamente abbandonato a se stesso.

casinomob

Lo stato del mobile Casino in Italia

0

Nonostante la recente crisi non si può certo dire che il mercato del gambling in Italia arretri, anzi, probabilmente proprio questa ha spinto nuovi utenti a sperimentare questa forma di intrattenimento.

Il gioco su mobile, in particolare sta registrando tassi di crescita elevati. Le previsioni per l’anno in corso danno il mercato in crescita rispetto al 2012 di oltre il 200%, grazie anche al proliferare di nuove applicazioni sui due principali sistemi operativi mobili dove attualmente si stanno concentrando le attenzioni dei concessionari: l’iOS di Apple e Android (si tenga presente che la penetrazione di dispositivi mobile in Italia supera il 160%, con oltre 10 milioni di tablet stimati per fine 2013 e 38 milioni di smartphone, praticamente uno ogni 2 abitanti). Sebbene già da diverso tempo il secondo abbia bannato ogni client afferente al gioco d’azzardo, questo non ha comunque scoraggiato i concessionari che offrono, tramite il proprio sito, la possibilità di installare gratuitamente l’applicazione di gambling.

Abbiamo pertanto voluto riassumere in due comode tabelle il parco applicazioni dedicata al gambling attualmente disponibili per dispositivi mobile, categorizzate per concessionario:

 

 Nel complesso si può osservare come l’offerta si concentri principalmente nei giochi di carte e, chiaramente, nelle scommesse sportive, nonostante già diversi player abbiano sviluppato e diffuso più di una applicazione dedicata a giochi quali Slot Machine e Roulette.

Andando inoltre ad osservare la posizione in classifica delle migliori 50 app al 16 novembre 2013:

Nella categoria Sport, troviamo:

  • 2° Bwin sports
  • 3° SNAI sport
  • 9° Scommesse Sisal matchpoint
  • 15° Better di Lottomatica
  • 21° Eurobet scommesse sportive
  • 27° Intralot Mobile (Intralot Italia)
  • 33° Scommesse Paddy Power
  • 48° Scommesse (Betpoint)

Possiamo osservare come la situazione stia cominciando ad affollarsi, rispetto alle precedenti osservazioni. Lottomatica, dapprima unica app nello store, è stata affiancata ed ora scalzata da diverse concorrenti. Una posizione elevata sottintende un elevato numero di download e, pertanto, di scommesse.

Nella categoria games/casinò nessuna app dei concessionari si posiziona entro le prime 50 posizioni. Andando quindi ad osservare le prime 100:

  • 67° Bingo Club (lottomatica)
  • 88° Bingo gioco digitale
  • 89° SNAI Blackjack
  • 99° Paddy Power Casino e Slot

Sorte analoga per la categoria games/cards: le app dedicate al gambling cominciano ad apparire solo oltre la 90° posizione:

  • 91° Bingo Club (lottomatica)
  • 94 SNAI Sette e ½
  • 97° Sette e mezzo Casino Planet

Si tenga inoltre in considerazione che esistono anche altre modalità di fruizione del mobile gambling: tramite webapps numerosi concessionari bypassano gli store per offrire i propri giochi tramite un comune browser. Basti pensare a William Hill che offre sul proprio portale oltre 50 giochi differenti.

(Per discutere/approfondire il tema, contattateci liberamente)

GD scommesse

Il ranking delle apps di scommesse e casinò su Apple Store

2

Con la chiusura di Android Market (ora Google Play) nei confronti della applicazioni di gambling, Apple Store resta un importante punto di riferimento per i concessionari che intendono utilizzare il mobile come canale di raccolta per scommesse, poker e giochi di casinò.

Apple Store diventa così una vetrina utile anche per osservare il gradimento delle diverse apps di gambling nel tempo anche rispetto agli altri paesi. Abbiamo così ripetuto l’esercizio di qualche mese fa per rilevare il rank delle diverse apps dei concessionari italiani all’interno delle principali categorie dedicate al gioco.

Il rank è calcolato al 1° maggio 2012 ed è riferito alle prime 150 top apps.

Nella categoria Sport si nota finalmente un cambiamento rispetto ad 1 anno fa, Lottomatica non è più solitaria in classifica:

  • 11° Lottomatica
  • 15° Bwin Scommesse, ultimo arrivato su App Store
  • 24° Eurobet
  • 37° Gioco Digitale
  • 127° iZi Play Betting

oltre il 150° posto le apps degli altri concessionari italiani.

Nella categoria Casino:

  • 28° Bingo di Gioco Digitale
  • 49° Blackjack iZi
  • 63° Eurobet Roulette
  • 81° BlackJack Casino Planet
  • 97° Bingo di Winga
  • 112° Bingo Casino Planet

Nella categoria giochi di Carte:

  • Pokerstars
  • 65° Blackjack di iZi
  • 101° Blackjack di Casino Planet
L’offerta attuale di giochi è quindi più ampia rispetto a qualche mese (alcune di queste sono ancora in modalità for fun) anche se ancora limitata a pochi concessionari. Essere comunque tra i primi 150 è comunque positivo perché è indice di un consistente numero di download.
Il confronto con gli altri paesi fa comprendere però come ci siano ampi margini di miglioramento per i concessionari italiani, osserviamo per esempio la situazione in Irlanda nella categoria Sport:
  • Paddy Power
  • 10° Racing Post
  • 26° Betfair Sport
  • 27° Ladbrokes Sports Bet
  • 28° Sky Bet
  • 35° William Hill
  • 83° BETDAQ
  • 135° Betfred
La Francia rappresenta un interessante mercato già evoluto sul fronte del mobile gambling. nella categoria Sport dell’Apple App Store la classifica è la seguente:
  • Betclic
  • PMU
Nella categoria Casino invece:
  • Winamax Poker
  • 35° Bwin Poker
Appare chiaro che i concessionari italiani sono in leggero ritardo rispetto ai player operanti all’estero, ad oggi in Italia le iniziative si concentrano su pochi concessionari a cui va riconosciuto il merito di agire come innovatori su un fronte dalle ottime prospettive di sviluppo ma su cui vanno create azioni di marketing specifiche.
(per discutere ed approfondire contattatemi liberamente Piero Itta)
la raccolta del mobile betting in Italia

Le scommesse da mobile in Italia

3

Le scommesse sono tra i giochi per cellulare che ad oggi hanno rilevato il maggior numero di concessionari attivi ed inoltre la raccolta più consistente.

Infatti quasi il 90% della raccolta da mobile è da attribuire proprio al betting con un’incidenza sultotale della raccolta delle scommesse sportive a distanza pari all’1,2%. Si tratta indubbiamente di un dato importante sopratutto in ottica prospettica se pensiamo infatti che già a gennaio del 2012 la quota di raccolta da mobile ha già superato di molto il la quota di incidenza media del 2011.

A facilitare tale sviluppo è stato sicuramente il lancio del servizio di raccolta mobile da parte di quei pochi concessionari, che hanno dimostrato la voglia di essere innovatori e first mover in un settore come il mobile, che all’estero pesa per oltre il 15% della raccolta totaledelle scommesse sportive.

L’offerta è prevalentemente basata su apps principalmente per iPhone ed Android che hanno riscontrato una grande popolarità presso gli utenti con circa 100.000 applicazioni scaricate fino a gennaio 2012.

Quindi oltre a Lottomatica e Bwin, si sono aggiunti anche Sisal, Giocodigitale, iZiPlay, Eurobet e Intralot. Presto si aggiungeranno nuovi nomi e sarà interessante osservare chi si conquisterà il primato del mobile betting in Italia sopratutto dopo l’arrivo di nuovi concessionari dall’estero come PaddyPower che proprio su mobile può vantare un case history di grande successo.

 

2011

Il 2011 in 10 post

0

GiocaiGiochi segue da più di 2 anni il mercato del gambling italiano cercando di commentare le evoluzioni ed i fatti più importanti. Nel corso del 2011 sono stati pubblicati circa 70 post, vogliamo qui riproporre i 10 post più seguti dell’anno (in ordine cronologico):

Il mobile Betting in Italia 2011, è una rassegna dei concessionari italiani che utilizzano il mobile come canale di racccolta per le scommesse.

Le Community del Gioco. Anche nel gambling le community si sono rivelate un importante strumento per fidelizzare gli utenti ed incrementare il giocato. Al momento in Italia si fa ricorso esclusivamente a Facebook ed in diversi hanno avviato campagne di acquisizione di utenti.  

Lottomatica su App Store, si tratta di evento particolarmente significativo per il mobile betting in Italia dato che si tratta della pubblicazione della prima applicazione nativa sull’Apple App Store.

Gamification e Gambling. Benchè coniato nel 2010, il termine Gamification si è diffuso in Italia sopratutto nel 2011. Siamo ancora nella fase embrionale, ma sembra che la Gamificaion sia destinata ad incidere sulle strategie del marketing comprese quelle dei concessionari di gioco.

I Casinò su Facebook. Le applicazioni di gioco, per ora for fun, sono tra le più utilizzate su facebook. Oltre a DoubleDown di cui si parla nel post di recente Slotomania ha riscosso successo sia su Facebook che su App Store.Anche in Italia avremo presto i primi client di Poker e Casinò.

Il mobile Gambling dei Telco. Il post era stato scritto in occasione di una serie di notizione sulla richiesta di concessione da parte di alcuni operatori di telecomunicazione italiani. Ad oggi sembra che la strada scelta sia stata quella di fungere da abilitatore.

La diffusione delle mobile gambling application. Ilpost mette a a confronto diversi paesi e ne analizza le applicazioni di gioco presenti sull’Apple App Store con il relativo successo in termini di ranking da download.

Scommesse di Gioco Digitale su iPhone, questo segna l’inizio della competizione tra concessionari anche su mobile.

Social Gambling: la convergenza tra Social Gaming e Gambling. I due mondi si avvicinano sempre piùe ci sono diversi segnali a riguardo.

Il Poker su iPhone, l’analisi condotta ha messo in evidenza come le applicazioni di Poker sull’App Store di Apple siano numerose ed il successo da parte degli utenti di iPhone è certamente buono ed anche Pokerstars ha deciso di lanciare la propria apps. In Italia fino ad novembre 2011 sono state scaricate più di 1,5 milioni di applicazioni di mobile poer.  

In questi post si è quindi parlato spesso di Social e di Mobile che rappresenteranno degli importanti fattori di cambiamento del mercato anche nel 2012.

vagas_club

Vegas Club di Lottomatica – Review

1

Uno dei casinò online che più di tutti stanno riscuotendo successo in questa fase del mercato è certamente Vegas Club di Lottomatica, che ad agosto ha registrato una raccolta pari a circa il 39% della raccolta complessiva in Italia sui casinò.

Vegas Club è un software da installare su PC che presenta una lobby molto accattivante e con un menù di opzioni che consente di scegliiere l’avatar, controllare il numero di giocatori in linea oltre che lo storico delle giocate.

La grafica è ottima, tra le migliori viste finora, anche se per alcuni effetti a cui il pubblico tiene molto, come le carte che girano ed il rimbalzo della pallina, ci sono spazi di miglioramento.

Il palinsesto è molto ampio ed ha come elemento di forza i numerosi tavoli Blackjack e Roulette multigiocatore, questo spiega anche la presenza dell’avatar. La presenza dei tavoli multigiocatore e di alcuni giochi anche divertenti come Aces High e Hi-Lo non fa pensare per ora l’assenza del casinò live.

Il bonus al momento non è tra i più alti offerti sul mercato, Lottomatica punta più al rimborso delle giocate per spingere di volta in volta i nuovi giochi introdotti sul casinò. L’intuitività di alcuni giochi è ottima con i tavoli da gioco puliti e ben disposti, su alcuni giochi come ad esempio videopoker o triple chance una guida sovrapposta alla finestra di gioco sarebbe molto utile.

Gli strumenti di banking sono variegati ma abbiamo potuto notare un’offerta più ampia presso altri soggetti.

Bingo Giocodigitale

Il bingo su mobile

0

A distanza di qualche giorno l’uno dall’altro Winga e Giocodigitale hanno pubblicato sull’Apple App Store l’applicazione di Bingo per iPhone. Si tratta in realtà della stessa applicazione, che consente agli utenti dei due concessionari di giocare nelle stesse sale del network del bingo di Giocodigitale e quindi di giocare all’interno di un network con una buona liquidità. Winga e Giocodigitale hanno messo a dispozione un bonus di 2 euro ai primi 2.000 utenti che si registreranno.

La grafica dell’applicazione ricorda quella del prodotto disponibile su web e le funzionalità sono simili, tranne per la chat che comunque sarebbe comunque poco proponibile su mobile.


Lo scorrimento delle cartelle acquistabili è orizzontale, e la scelta avviene semplicemente selezionandole, nel corso dell’estrazione è anche possibile passare ad una vista diversa che dà una visibilità immediata su tutti i numeri estratti fino a quel momento.

Ma Bingo Winga e Bingo Giocodigitale non sono gli unici Bingo mobile disponibili su App Store, infatti con il recente aggiornamento di Better su App Store è possibile accedere a Bingo Club, l’applicazione di Bingo di Lottomatica.

Un aspetto interessante è che 3 delle 4 sale disponibili al momento devono essere scaricate su device, ciò per consentire un maggiore velocità dell’applicazione ed inoltre il funzionamento anche in situazione di banda 3G disponibile non eccellente.


La grafica è più ricca rispetto a Winga e Giocodigitale, ma ‘laspetto più interessante è che se si chiude l’applicazione (ritornando alla schermata home dell’iPhone, ricevendo una chiamata, …) e poi la si riapre, la partita prosegue. Inoltre è possibile giocare contemporaneamente in più sale.

L’Apple App Store inizia quindi finalmente a popolarsi delle prime vere applicazioni per il gioco diventando un canale di ditribuzione che finora ha visto la presenza esclusiva di Lottomatica.

quota dei giochi tra apps

La diffusione delle mobile gambling application

1

Abbiamo già affrontato il tema delle mobile gambling application sottolineando come non si potrà fare a meno degli Application Store come principale canale di ditribuzione. Infatti all’interno dei principali Application Store per smartphone e tablet i giochi hanno ormai una quota significativa, in alcuni come l’Apple App Store per iPhone e iPad, Windows Marketplace e Blackbarry App World, rappresentano più del 40% delle prime 300 applicazioni free e a pagamento.

Apple rappresenta la piattaforma di riferimento e la quota dei giochi sembra destinata ad aumentare se si osserva che da gennaio a giugno del 2011 il numero delle applicazioni di gioco è cresciuto più velocemente rispetto a quello delle applicazioni di altra tipologia.

Anche il mondo del Mobile Gambling sembra essersi concentrato su Apple in particolare iPhone, anche se ancheAndroid è destinato a recitare un ruolo importante come piattaforma di sviluppo delle applicazioni, anche se lato distribuzione al momento ci sono delle restrizioni sulla pubblicazione di applicazioni di gambling. Tale ostacolo viene comunque superato grazie alla possibilità che gli utenti di Android hanno la possibilità di scaricare le applicazioni non soltanto dall’Application Store, come avviene con Apple, ma anche via web o con invio di un link al telefono (es, via mail o sms).

Al momento sull’Apple App Store sono disponibili poche applicazioni di gambling ma sicuramente siamo solo agli inizi, entro la fine dell’anno solo in Italia si passerà da un’unica applicazione di mobile betting (Better di Lottomatica) attualmente presente a circa 10 applicazioni tra mobile bettingmobile casinò.

Abbiamo quindi voluto approfondire questo aspetto e verificare quali sono e come si posizionano le varie applicazioni di gambling all’interno dell’Apple Store in Italia ed all’estero prendendo come riferimento il relativo ranking, basato sull’andamento dei download, tra le categorie dei Giochi di Casinò (Roulette, …), Giochi di Carte (Poker e Blackjack) e Sport (Mobile Betting). Naturalmente gran parte delle applicazioni sono for fun, ma è interessante rilevare come nei diversi mercati le applicazioni for money stiano guadagnando le preferenze degli utenti:

  • UK, anche sul mobile hanno anticipato gli altri mercati. Tra i giochi di casino (riproposti anche nella categoria giochi di carte) figurano al 61° posto Bwin Poker all’78° posto Ladbrokes Blackjack. Tra i giochi di Sport, categoria in cui rientrano le applicazioni per il betting, Paddy Power è al 20° posto, Betfair invece è al 28°;
  • Francia, mercato sicuramente più giovane di quello italiano ma che sotto molti aspetti ha mostrato capacità di innovarsi più velocemente. Il mobile betting di PMU è addirittura al 9° tra le applicazioni di Sport più scaricate mentre al 94° si posiziona BetNet (ippica). Tra i giochi di casinò da segnalare anche il buon posizionamento di Bwin Poker al 25° posto, mentre Winamax POker è al 2° posto;
  • Irlanda, è uno dei mercati più interessanti dal punto di vista dell’attenzione da parte degli utenti ed operatori verso il mobile gambling, sopratutto se dedicate al betting. Infatti tra le applicaziondi di Sport al 2° posto troviamo Paddy Power, Racing Post (ippica) di William Hill è al 3° posto, al 10° Sport bet di Ladbrokes, al 15° Betfair Client, al 102° betdaq applicazione per il betting exchange. tale numerosità non si riscontra lato giochi di casinò in cui troviamo solo Ladbrokes Blackjack è al 104° posto;
  • Italia, è tra i paesi che da pochissimo hanno avviato le prime sperienze di mobile gambling. Lato giochi di casinò al momento non esiste una appluicazione for money. Vi sono sooltanto alcune applicazioni legate ai giochi dei concessionari italiani come People’s TV, GDPoker clock e Bwin Poker clock, tramite le quali non è possibile però giocare. Lato mobile betting l’unica applicazione presente è Better di Lottomatica.

Emerge quindi chiaramente come il mobile gambling in Italia sia solo alla fase iniziale nonostante il mercato italiano sia ad esempio più maturo rispetto a quello francese. Si tratta quindi di un mercato ancora inesplorato e poco utilizzato sul quale gli operatori dovranno necessariamente investire nei prossimi mesi e nel quale occorrerà muoversi con il giusto approccio.

20110422-193232.jpg

Lottomatica su App Store

0

Lottomatica si ripete, dopo essere stata la prima a pubblicare una web Apps su Apple Store si riconferma la prima a pubblicare un’applicazione per le scommesse.
Le differenze rispetto alla web Apps sono sostanziali grazie ad una applicazione pensata per iPhone che consente sia l’effettuazione delle scommesse sia la fruizione di contenuti editoriali legati allo sport. Da notare anche l’area dedicata alle Live, la tipologia di scommessa che più si presta al canale mobile.
Lottomatica si conferma quindi come l’operatore first mover sul mobile Gambling in Italia, ma nel corso dell’anno altri sicuramente lo seguiranno.

facce da 6

Le Community del Gioco

0

Sembra ormai evidente a tutti il valore delle Community come strumento di fidelizzazione al proprio brand, di incremento delle vendite e naturalmente di marketing.

Il settore del gioco online (poker, betting, …) trae grandi vantaggi dalla creazione ed interazione con le Gambling Community ed i motivi principali sono i seguenti:

  • Riduzione dei costi di acquisizione dei nuovi utenti
  • Incremento dell’ARPU degli utenti e riduzione del Churn
  • Fidelizzazione dei clienti ed accorciamento dei tempi medi di ritorno sul sito web
  • Monetizzazione del traffico web

Anche in Italia i concessionari si rendono conto del ruolo strategico della community prediligendo sopratutto Facebook con la creazione di fan page sociali o dedicate ai propri prodotti anche se la momento non sembrano presenti applicazioni, ambito molto interessante se si pensa che Texas HoldEm Poker di Zynga ha più di 7 milioni di utenti giornalieri attivi.

Tra le pagine Facebook create dai concessionari sicuramente spicca SuperEnalotto di Sisal con oltre 570.000 utenti iscritti. Sulla bacheca sono pubblicati aggiornamenti sul Jackpot e i risultati delle estrazioni con una buona interazione da parte degli utenti iscritti. Inoltre vi è una pagina dedicata al contest Facce da 6, definito uno “show online” in cui gli utenti con un Video presentano la loro sestina fortunata.

Lottomatica è presente con più pagine:

  • Better, con 5.348 utenti iscritti
  • BingoClub, 1.551 utenti
  • Totosì, con 734 utenti
  • Poker Club, 5.403 utenti
  • Skill Club con 1.232 utenti scritti.

E’ interessante notare come oltre ai consueti aggiornamenti, promozioni e concorsi si coinvolgono gli utenti con il trial della nuova applicazione di betting per iPhone.

Winga infine presente su Facebook con 2 pagine una dedicata al Poker e l’altra dedicata al Bingo che vanta oltre 32.000 iscritti. Oltre a bonus e speciali promozioni si rileva anche una interazione con gli utenti volta a risolvere eventuali problemi.

Si tratta quindi di un utilizzo del Social, da parte di tutti, per ora limitato al dialogo con i propri utenti ed allo stimolo attraverso promozioni e Bonus, basato principalmente con gli utenti iscritti alla fan page su Facebook, che si dimostra uno strumento efficace anche se occorre prestare attenzioni all’utilizzo che si vuol fare delle community dato che non bisogna mai dimenticare quanto stabilito nell’art. 2 della Dichiarazione di diritti e responsabilità, che regola rapporto tra Facebook e gli utenti e con chiunque interagisca con Facebook.

Condivisione dei contenuti e delle informazioni
L’utente è il proprietario di tutti i contenuti e le informazioni pubblicate su Facebook e può controllare in che modo possono essere condivise mediante le impostazioni sulla privacyi e le impostazioni delle applicazioni. Inoltre:

1. Per quanto riguarda i contenuti coperti da diritti di proprietà intellettuale, ad esempio foto e video (“Contenuti IP”), l’utente concede a Facebook le seguenti autorizzazioni, soggette alle impostazioni sulla privacy e alle impostazioni delle applicazioni: l’utente fornisce a Facebook una licenza non esclusiva, trasferibile, che può essere concessa come sotto-licenza, libera da royalty e valida in tutto il mondo, che consente l’utilizzo di qualsiasi Contenuto IP pubblicato su Facebook o in connessione con Facebook (“Licenza IP”). La Licenza IP termina nel momento in cui l’utente elimina i Contenuti IP presenti sul suo account, a meno che tali contenuti non siano stati condivisi con terzi e che questi non li abbiano eliminati.
2. Quando l’utente elimina Contenuti IP, questi vengono eliminati in modo simile a quando si svuota il cestino del computer. Tuttavia, è possibile che i contenuti rimossi vengano conservati come copie di backup per un determinato periodo di tempo (pur non essendo visibili ad altri).

bwin mobile

Il mobile Betting in Italia 2011

0

Circa 14 mesi, fa in un post sul Mobile Betting avevamo esaminato i differenti approcci tecnologici che è possibile affrontare avevamo citato i servizi attivi da parte dei concessionari evidenziando anche una preferenza per l’utilizzo di m-site. I servizi allora individuati erano:

  • Better
  • BWIN
  • Sisal
  • SNAI
  • Atlantisbet

Abbiamo voluto verificare a distanza di tempo il grado di maturazione di questa tipologia di servizi dal momento che nel corso di questi mesi sono accadute alcune cose importanti:

  • la crescita nelle vendite di smartphones in Italia cresciuti di oltre l’80% nel 2010 rispetto al 2009;
  • l’affermazione e diffusione sul mercato italiano dell’iPhone che rappresenta ormai un target specifico di potenziali clienti da indirizzare;
  • l’affermazione degli Application Stores come modalità ottimale di distribuzione delle applicazioni;
  • la consapevolezza da parte di alcuni concessionari che il mobile può rappresentare un canale alternativo di raccolta;

Rispetto quindi a più di 1 anno fa le applicazioni dei principali concessionari esaminati sono le seguenti:

BWIN, l’m-site è lo stesso o almeno appare uguale, siamo però convinti che presto sarà perseguita anche la via Application Based

SISAL, ha di recente rinnovato il proprio sito wap che consente di giocare anche le scommesse multiple. Da dire che il numero di palinsesto di ogni singolo evento, che appare nella schermata Eventi non ha un bell’impatto visivo.

SNAI, non ha cambiato approccio rispetto al 2009, ed è ancora basato su applicazione Java che occorre scaricare da www.snai.it/snaimobile. Da notare come nonostante ci sia una collaborazione con Tim questa si riduce a tariffe di navigazione agevolate sul sito WAP (concetto perlatro superato con le tariffe attuali), mentre per ora sul Tim Store non c’è traccia di SNAImobile. Per i possessori di iPhone invece c’è una sorpresa (in senso ironico) sull’App Store: SNAI Calcio applicazione sviluppata da WIPsrl in partnership con SNAI (powered by SNAI). Infatti nela sezione con le quote degli eventi sportivi sembra sia data la possibilità di scommettere …

in realtà se si sceglie uno degli eventi evidenziati si viene reindirizzati sulla pagina, anzi una porzione di pagina, di snai.it lo stesso visibile da PC! Questo spiega lo scetticismo di alcuni concessionari nei confronti del mobile

Betfair, utilizza un redirect da Betfair.it su un m-site che ha senz’altro il vantaggio dell’ampiezza del palinsesto anche se alcuni feed di dati non funzionano ancora correttamente (es. giorno e anno).


Lottomatica, si distingue invece dalle altre proposte sul mercato perchè è stata la prima ed unica web apps italiana per il betting presente sull’App Store di Apple sin dal 2010 già nella versione mBetter. Raggiungibile anche da browser consente di accedere a BingoClub, altra iniziativa su mobile che sta riscoutendo successo.

Abbiamo potuto rilevare quindi un numero di servizi ancota limitato anzi pressochè uguale a quanto osservato nel 2009, si notano però grandi progressi nel design delle applicazioni e servizi per le diverse tipologia di device, iPhone in particolare.

L’attenzione dei concessionari nei prossimi mesi sarà comunque concentrata su Poker cash e Casinò sopratutto dopo la pubblicazione da parte di BWIN della prima applicazione di Poker con denaro reale.

6 attese per il 2011

0

Archiviato il 2010 con una raccolta complessiva che ha superato i 60 miliardi di euro, possiamo ritenere in parte confermate tutte le attese sulle performance di 2 segmenti  di mercato come il Poker online che ha raggiunto i 3 miliardi di euro e gli apparecchi da intrattenimento che, grazie anche alla novità delle VLT, hanno raggiunto 30 miliardi di euro.

Nel 2011 si attendono numerose novità che non solo legate al gioco ma che riguardano anche nuovi servizi, canali e tecnologie. Tra le più significative ne rileviamo 6:

  1. Poker cash, che ravviverà il mercato italiano e l’interesse dei giocatori da troppo tempo in attesa di questa innovazione. Questa novità darà nuovo slancio ad un settore che ha visto i margini degli operatori ridursi sempre più a causa della competizione crescente. Inoltre, grazie anche alla Comunitaria attirerà nuovi operatori già affermati all’estero e con una clientela italiana abituata a giocare sulla poker room in versione.com;
  2. Casinò online, introdotto in 2 fasi successive e che si annuncia come il boom del 2011. Oltre ai numeri sarà interessante osservare come si divideranno il mercato i fornitori di soluzioni al momento presenti in Italia: Dragonfish, NetEnt, Microgaming e Playtech
  3. Mobile gambling, il 2011 sarà il vero e proprio anno di lancio in Italia. Finora solo Lottomatica si è mossa su questo fronte ma in molti punteranno sul canale mobile nel 2011
  4. Mobile payment, vista da molti come un driver per il mobile gaming vedrà finalmente nel 2011 la presenza di diversi provider di pagamento e sopratutto grazie alla entrata in vigore della e-Money Directive l’estensione del concetto di moneta elettronica al credito telefonico;
  5. Connected TV, benchè il lancio commerciale sia avvenuto nel 2010, quest’anno potrebbe segnare una svolta significativa nell’ambito dei servizi i internet TV perchè si arriverà ad una certa massa critica di utenti tale da giustificare investimenti su questo canale, compreso il porting dei giochi realizzati per PC e Web. Casinò, Bingo e LiveBetting potrebbero essere le vere killer application per questo tipo di dispositivi;
  6. Social CRM, il successo dei social network e la grande attenzione da parte degli utenti per i social games rappresenta un importante segnale per quegli operatori che hanno già un vero CRM ed hanno profilato i propri utenti;

Naturalmente ci auguriamo che il 2011 ci porti molto altro ma certamente rappresenterà un anno di grande evoluzione del mercato italiano.

pokerscout

La classifica dei Network di Poker

0

Mentre si aspetta con ansia l’arrivo del Poker cash è interessante fare una riflessione su come si ridistribuirà, nel nuovo scenario, l’attuale “popolazione” di giocatori italiani online, in particolare se cambieranno gli equilibri di mercato tra gli attuali network di Poker.

Se confrontiamo i dati dei giocatori online forniti da Pokerscout è possibile avere un’idea della situazione attuale.


  • Pokerstars si conferma come il Network più importante in Italia con una media giornaliera di giocatori contemporanei, calcolata nei 7 giorni della settimana, di 4.800 e con un picco massimo giornaliero di oltre 12.000 utenti.
  • PeoplesNetwork di Microgame segue al secondo posto con una media di 4.500 giocatori al giorno;
  • Ongame si piazza al terzo posto ma è in decisa ascesa se confrontiamo il dato con quello dei mesi precedenti;
  • molto più contenuto il network PartyPoker che chiude la classifica con poco più di 500 giocatori.

Vedremo quindi cosa accadrà con il Poker Cash visto che gli attuali utenti valuteranno con attenzione il nuovo prodotto ed inoltre entreranno di sicurto nel mercato italiani altri network di primo piano a livello internazionale.

Sisal e Snai insieme?

0

Al rientro dalla pausa estiva non può sicuramente passare inosservata la notizia apparsa questa mattina sulle principali testate di informazione finanziaria: SISAL intende rilevare SNAI. La stessa SNAI in un comunicato conferma la manifestazione di interesse da oparte di SISAL e da parte di Investindustrial e Clessidra. Al momento sono in corso le due diligence da parte delle società interessate ad entrare nel capitale di SNAI per valutare l’operazione. 

Rumors e notizie circa possibili operazioni finanziarie in SNAI circolano da tempo, se andasse a buon fine l’operazione Sisal-Snai nascerebbe un Big del gioco in Italia in grado di oscurare un altro big del gioco italiano come Lottomatica. Si prospetta quindi un autunno interessante per il mercato italiano in cui oltre a tanti nuovi soggetti potrebbe irrompere nella scena questo nuovo soggetto che avrebbe in mano il controlo del mercato delle scommesse.


Il Gioco a giugno

1

Sulla raccolta dei giochi online a giugno non manca l’effetto mondiali di calcio, le scommesse sportive hanno avuto una raccolta di 99 milioni di euro, +60,5% rispetto al 2009. 4 operatori si dividono più del 70% della raccolta in particolare Microgame, Lottomatica/Totosi, Giocodigitale/Bwin e Sisal. Un dato importante riguarda la spinta che è stata data alle scommesse live che hanno aumentato notevolmente la raccolta.

La maggiore attenzione sulle scommesse ha avuto effetti negativi sulla raccolta del poker online che ha registrato un calo del 13%, fermandosi a quota 242 milioni di euro. Il calo della raccolta è pressochè uniforme presso tutti gli operatori con l’eccezione di Pokerstars che naturalmentre ha un pubblico maggiomente fidelizzato al poker.

Non hanno subito invece contrazioni le giocate sugli skill games, che iniziano a segnare livelli importanti di raccolta superando gli 8 milioni di euro. Leader del mercato è Lottomatica, seguita da Snai e al solito, Microgame.

Torna all'inizio
6sx