Articoli con tag AAMS

Lotterie al Consumo

1

Si ritorna a parlare di Lotterie al Consumo sopratutto in vista del varo della manovra fiscale che dovrebbe prevedere una nuova gara per l’assegnazione di licenze per la gestione telematica di giochi di sorte legati al consumo. AAMS ha infatti pubblicato il decreto direttoriale contenente le caratteristiche tecniche e le modalità di funzionamento dei misuratori fiscali utilizzabili per le lotterie al consumo.

Diversi i punti di interesse che vengono ribaditi o chiariti:

  • la partecipazione al gioco è contestuale all’acquisto di beni o servizi per i quali è prevista l’emissione dello scontrino fiscale;
  • la possibilità di prevedere partizioni di rete telematica affidate ciscuna ad un concessionario;
  • la ricevuta di paartecipazione ed il documento di riscossione saranno su supporto cartaceo e sono rappresentati da un documento emesso contestualmente allo scontrino;
  • i terminali di gioco devono essere anche dei misuratori fiscali e dovrà essere in grado di eseguire il software di gioco;
  • inoltre si parla di software di gioco residente nella memoria di gioco e di trasferimento periodico dei dati di gioco al sistema del concessionario
  • interessante anche il riferimento ai beni e servizi per i quali è possibile prevedere la partecipazione al gioco, in particolare tra questi dovrebbero rientrare le prestazioni di trasporto pubblico.

Si delinea quindi uno scenario interessante con nuovi soggetti che potrebbero operare come concessionari. La grande distribuzione ha sicuramente una posizione di grande vantaggio, anche se per alcune GDO questo tipo di business non è ritenuto in linea con la loro politica etica. Altro elemento di interesse è il fatto che il software di gioco risiederà nel terminale ed il collegamento con il sistema centrale del concessionario è periodico ai fini del trasferimento dati. Ciò elimina una delle principali barriere alla fattibilità delle Lotterie al consumo, dato che molti sistemi di cassa sono datati e non sono connessi tra loro su banda larga e prevedere dei terminali collegati ad un sistema di elaborazione centrale in cui risiedeva il software di gioco sarebbe stato molto difficile da realizzare.

raccolta giochi maggio

I primi 5 mesi di raccolta 2011

1

I risultati della raccolta a distanza a maggio 2011 danno segnali preoccupanti per gli operatori del settore. Rispetto allo stesso periodo del 2010, i risultati della raccolta complessiva dei giochi pubblici a distanza, comunicati da AAMS, mostrano un calo del 6,8% pari a circa 140 milioni di euro. Tale calo è in parte mitigato dal buon andamento del Bingo online che quasi raddoppia la propria raccolta rispetto al 2010 raggiungendo 92 milioni di euro di raccolta in 5 mesi.

Dall’inizio del 2011, per il 5° mese consecutivo il mercato mostra variazioni di segno negativo, sopratutto nelle 2 principali fonti di racccolta del gioco a distanza:

  1. Skill games, con maggio che ha segnato il record negativo della peggior perdita nell’anno, -12,7%
  2. Scommesse sportive, che invece hanno segnato un -2,7% che viene però interpretato come positivo alla luce di un bimestre terribile marzo-aprile molto negativo  

Riguardo agli Skill Games è opinione condivisa dagli addetti ai lavori che il mercato stia vivendo una fase di stanca, con gli utenti ormai da mesi in attesa del lancio del Poker cash e dei Casinò e gli stessi concessionari che, per farsi trovare preparati a questo importante appuntamento, hanno investito meno rispetto agli altrri periodi perchè impegnati nella fase di integrazione e certificazione delle nuove piattaforme di gioco.

Per le scommesse invece serve un rinnovamento del palinsesto ed un rinnovamento dell’offerta sul fronte dei canali di gioco.

A maggio i giocatori attivi (627.000) sono comunque stati meno sia rispetto a maggio 2010 (692.000), sia rispetto agli altri mesi del 2011 e ciò sottolinea comunque un calo di interesse da parte degli utenti o comunque il fatto che per alcuni di loro la frequenza di gioco stia diminuendo. Al mercato servono quindi nuovi giochi ma probabilmente anche nuovi giocatori.

raccolta giochi per Regione

La raccolta Giochi di febbraio per Regione

0

Dall’analisi della raccolta dei Giochi del mese di febbraio pubblicata da AAMS il 21 marzo, emergono alcuni interessanti aspetti se si analizza la ripartizione della raccolta delle diverse tipologie di giochi all’interno delle Regioni.

La Lombardia si conferma la regione nella quale si gioca di più che, con un peso del 19% sulla raccolta complessiva dei giochi. Al secondo posto della graduatoria sul volume della raccolta vi è il Lazio con l’11,4.

Se si analizzano però i dati di raccolta per ogni tipologia di gioco è evidente come Campania e Lombardia si contendano il primato. contrariamente a quanto si possa immaginare la Campania si aggiudica circa 1/3 della raccolta sui giochi di abilità, esattamente il 34,1%. La lombardia invece cuba meno del 10% sulla raccolta di febbraio sui giochi di abilità mentre ha il primato sugli apparecchi da intrattenimento con oltre il 20%.

Curiosando tra i dati emergono anche alcuni particolari, come ad esempio in Sicilia i cui dati di raccolta non sono particolarmente signficativi rappresenta invece la seconda regione d’Italia in cui si gioca di più a Bingo, con una raccolta del 14,8%.

20110326-233516.jpg

La crescita delle VLT

0
  • In pochi mesi le VLT stanno guadagnando il ruolo da protagonisti sulla raccolta degli apparecchi da intrattenimento sopratutto per due elementi:
    la crescita della raccolta effettuata da ogni singola VLT installata, passata da circa 12.000 euro al mese ad oltre 26.000 euro mese in poco tempo;
  • l’incidenza crescente sulla raffilata complessiva degli apparecchi da intrattenimento, attualmente al 23% ma che si prevede supererà il 50% entro la dine dell’anno.

Le performance delle VLT sono indicative di come il mercato sia stato subito pronto a cogliere positivamente la novità grazie ad alcuni elementi ce rendono le VLT attraenti per il pubblico dei giocatori, e cioè la collocazione in contesti che richiamano quelo del Casinó ed il Jackpot, con cifre interessanti, che i vari network mettono a disposizione.

aams

Arrivano i 200

0

Dopo una lunga attesa è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU n. 56 del 9-3-2011 ) il decreto recante le norme di attuazione della Legge Comunitaria 2008 che prevede l’assegnazione di 200 nuove licenze per l’eserciziod el gioco online. Il decreto comprende una serie di allegati

con gli schemi di presentazione della domanda di concessione e la procedura di integrazione della concessione per gli operatori  che volessere allargare la propria offerta (es chia ha solo Bingo).

Le nuove licenze, quindi, di durata novennale saranno assegnate sia a nuovi soggetti comunitari che intendono operare in Italia con regolare concessione, sia soggetti già titolari di concessione.

L’interesse da parte del mercato è sopratutto per la prima tipologia di soggetti molti dei quali già conosciuti al pubblico dei giocatori, ma che hanno deciso di chiedere licenza anche per poter competere ad armi pari (senza ad esempio il blocco AAMS) con i BIG internazionali già operanti in Italia.

L’arco temporale utile per la presentazione della domanda di concessione va dal 9 marzo 2011 fino al 30 dicembre 2011.

Poker Cash e Casinò

0

Finalmente il tanto atteso decreto su Poker Cash e Casinò è stato pubblicato oggi sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale n.27 del 3-2-201.

Oltre alle nuove tipologie di gioco introdotte altre novità riguardano la tassazione (20% sulle somme non restituite ai giocatoricome vincite) il payout diverso (90% per poker cash e Casinò) e l’obbligo di informazione delgiocatore e di predisposizione di strumenti di autolimitazione.

Parte così una nuovo filone di offerta che a regime completo (quindi con le slot) secondo le tante stime fatte in questo periodo, dovrebbe doppiare l’attuale raccolta del poker online a torneo.


raccolta skill games

Il mercato del gioco pubblico nel 2010

3

Dopo la pubblicazione dei dati “ufficiali” AAMS sulla raccolta dei giochi nel 2010, vogliamo fare un bilancio sull’andamento dei principali giochi online in Italia.
Skill Games, Bingo, Superenalotto + Win For life, scommesse ippiche e sportive, Gratta e Vinci e Concorsi Pronotisci hanno raccolto complessivamente più di 4,8 miliardi di euro con una crescita rispetto al 2009 del 28,2%. Il 65% della raccolta è rappresentato dagli Skill Gamese quindi sostanzialmente dal Poker online, che pur senza l’introduzione del cash games ha continuato a crescere anche se con evidenti segni di rallentamento negli ultimi mesi dell’anno, passando da un incremento del +100% a gennaio ad un modesto 5,9% a dicembre.

Molto più altalenante il dato di raccolta delle scommesse sportive che raggiungono quota 1,35 miliardi di euro che vuol dire +10,8% rispetto al 2009, ma occorre sottolineare che questo settore ha beneficiato dei mondiali di calcio, senza i quali la raccolta sarebbe stata negativa.

Il Bingo online invece, nel suo primo effettivo anno di esercizio ha guadagnato subito la terza posizione nella graduatoria della raccolta per tipologia di giochi arrivando a quota 146 milioni di euro, cifra che comunque è destinata a crescere per il prossimo anno.

Un ulteriore dato reso noto da AAMS che è in grado di rispecchiare anche gli andamenti registrati da alcuni giochi nel 2010 è rappresentato dai conti di gioco. Sappiamo che molti utenti hanno più conti di gioco ma è comunque utile osservare come il numero dei conti attivi ogni mese nel 2010 è stato di 4,3 milioni. Il trend di crescita ha subito un rallentamento nel corso dell’anno, segno che presto si arriverà ad una stabilizzazione dei giocatori attivi.

Gli stipendi nel Gambling

0

In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto AAMS che disciplina l’assegnazione delle nuove licenze, le Big companies provenienti dall’estero si stanno attrezzando per costituire o completare i loro organici. Le risorse umane rappresentano infatti un fattore determinante nel successo di gaming company e vanno considerate un investimento importante al pari della piattaforma di gioco e portali.
Altro aspetto fondamentale è rappresentato dal fatto che l’Italia è un mercato giovane in cui non è facile trovare risorse specializzate, per cui spesso si preferisce fare head hunting andando a reclutare le figure chiave presso i competitors e ciò ha causato una rapida ascesa degli stipendi che sono più alti di almeno il 30% rispetto alla media di altri settori.
Ma quali sono le figure più ricercate? Nella gran parte dei casi si tratta di specialisti di prodotto come sportsbook manager e poker room manager oppure, figura ancor più rara, casinò manager. Vi sono poi le figure più trasversali come acquisition manager, CRM manager e online o offline affiliate manager a seconda della strategia prescelta.
Professionalità quindi che rappresentano la lista dei profili fondamentali da ricercare presso gli HR manager dei nuovi entranti nel mercato italiano. Con l’aiuto del network di contatti che seguono GiocaiGiochi principalmente addetti ai lavori ed Head Hunter abbiamo fatto un benchmark per stabilire a quanto ammontano gli stipendi medi delle figure che abbiamo citato all’interno delle aziende di rilievo.
Il Poker Room Manager ad esempio ha uno Stipendio Annuo Lordo che oscilla tra i 70.000 euro ed i 100.000. In alcuni casi il RAL arriva anche a 120.000 euro. Lo sportsbook manager può avere RAL che oscilla tra i 60.000 euro ed gli 80.000 ma la gestione del rischio, cioè le quote, può significare raggiungere cifre superiori ai 100.000 euro. Una delle figure più rare e che le aziende dovranno individuare probabilmente all’estero è il casinò manager, il suo stipendio sembra destinato ad avere una base di partenza molto vicina ai 100.000 euro.
Tra le figure che invece lavorano a supporto degli specialisti di prodotto vi è l’online affiliate manager, generalmente questa figura ha uno stipendio annuo che si aggira tra i 40.000 euro ed il 60.000 euro al netto delle provvigioni sui clienti acquisiti. Altro profilo di rilievo sopratutto in questa fase di sviluppo del mercato in cui diventa importante poter segmentare e profilare i clienti è il CRM Manager che può avere un RAL tra i 50.000 euro e gli 80.000 euro.
Come si evidenzia si tratta quindi di stipendi di una certa importanza che le aziende di gioco devono essere pronte a pagare. Si tratta, come precisato prima, di cifre su cui possono influire diversi fattori come esperienza e azienda di provenienza, ma primo fra tutti è la scarsità.

Gli accessi ai siti .com

0

Tra i dati emersi nell’audizione del Sottosegretario Giorgetti al Senato ha destato interesse un dato indicativo di come sia ancora elevato, ed in parte mai superato, l’interesse per i siti di gioco verso siti .com o non autorizzati AAMS. Sembra infatti che i tentativi di accesso ai siti cosiddetti illegali, nel 2008 sono stati circa 450 milioni, nel 2009 hanno continuato a crescere e ad essi si sono accompagnati tentativi di attacchi informatici al sistema di controllo per mandarlo in blocco. Nel 2010 i tentativi di accesso registrati a settembre a siti illegali sono già stati 522 milioni.
Naturalmente si parla di tentativi di accesso, la cui crescita potrebbe essere spiegata nella maggiore efficacia dell’attività di monitoraggio di AAMS. I dati vanno peró interpretati come indicativi di un fenomeno che non mostra cenni di rallentamento anzi potrebbe addirittura accelerare per l’impazienza dei giocatori più esperti di iniziare a provare il poker cash

Lotterie al supermercato

0

Quasi 1 anno fa avevamo parlato della possibilità di lancio del Gratta&Vinci Fiscale, ebbene AAMS ha inviato a Bruxelles ildecreto contenente le regole tecniche  le modalità di funzionamento dei giochi di sorte legati al consumo. Si tratta in pratica della possibilità di giochi legati al consumo in cui il consumatore può decidere di giocare il resto che gli spetta (fino ad un massimo di 5€) in seguito all’acquisto di beni o servizi.

La giocata viene effettuata tramite il misuratore fiscale che diventa quindi un vero e proprio terminale di gioco, ma dovrà anche rispettare determinate caratteristiche tecniche e di funzionamento. Il gioco sarà gestito attravreso la rete telematica e sarà con vincita predeterminata o con vincita determinabile successivamente alla giocata accettata.

Si tratta quindi di una importante innovazione che avrà come conseguenza immediata quella di endere sempre più capillare l’offerta di giochi e di aumentare le possibilità di giocare da parte degli utenti. Servirà però un rinnovamento del parco dei misuratori fiscali attualmente in uso che, ad esclusione dei grandi supermercati che hanno sistemi di cassa evoluti, presenta un parco installato non adeguato.

giochi pubblici VLT

Convegno sulle VLT

0


Si è tenuto a Roma, a 2 passi da AAMS, il convegno organizzato da Business International sulle VLT, uno dei pochi dedicati a questo settore del mercato dei giochi. L’evento rappresenta uno dei pochi momenti pubblici in cui si è potuto parlare di delle prospettive di questo mercato e delle problematiche più attuali. Infatti uno dei primi argomenti proposti proprio da Ughi di Snai è stato il problema del contenzioso tra concessionari di rete e Corte dei Conti, invitandoa risolvere una volta per tutte una situazione che pone dei limiti nella relazione con le Banche nel ricorso a finanziamenti.

Altro tema affrontato nel corso della giornata è il ruolo delle NewSlot in questo nuovo scenario di mercato in cui si troverano a competere con un prodotto, le VLT, con un PREU più elevato ed una tassazione più bassa. Una delle proposte avanzate è proprio quella di rendere più competitivo questo prodotto (aumentanto la vincita a 300€ e prevedendo un Jackpot) e di rendere possibile l’assorbimento delle macchine (circa 30.000) che saranno tolte dalle sale Bingo e dalle agenzie di scommesse.

Si è parlato però sopratutto del futuro mercato delle VLT: nei prossimi 2 anni saranno investiti circa 1 miliardo di euro su tutto il territorio nazionale per allestire i punti vendita che ospiteranno le VLT, e circa la metà di questi non saranno di proprietà dei concessionari. Inoltre gli investimenti necessari riguardanti sistemi e tecnologie sono di circa 100 milioni di euro. La raccolta nei prossimi anni è destinata a crescere in modo esponenziale non solo per il successo del nuovo prodotto ma anche come conseguenza del maggiore payout.

Inoltre è stato più volte messo in evidenza il ruolo della location, vero fattore di successo per questo nuovo tipo di prodotti che però dovranno offrire anche altri prodotti e servizi.

Si tratterà quindi di uno scenario nuovo di mercato destinato a cambiare e sicuramente i mini-casinò, ormai a quota 70, che i concessionari stanno aprendo in tutta Italia ne saranno l’effetto più tangibile.

Di seguito un’intervista rilasciata a Gioconews da Ughi in cui parla di VLT e NewSlot e del futuro di Snai.

Poker Cash e Casinò: rimandati a ottobre

0

Mentre tutti i concessionari hanno trascorso le ultime settimane nella impegnativa attività di certificazione delle piattaforme per il poker Cash ed i Casinò è arrivata la decisione del TAR Lazio che, accogliendo il ricorso di Microgame, ha sospeso fino al 13 ottobre il decreto sul Poker Cash e Casinò online.

Si tratta quindi di una decisione che rallenta i progetti di quanti si stavano preparando a lanciare il poker cash ed i casinò e che non può che danneggiare l’intero settore, dato che gli utenti che aspettavano con ansia la nuova offerta gioco continueranno a giovare sui siti .com.

Si sarebbe potuta trovare un’alternativa alla sospensione dell’intero decreto, non ci resta che sperare che entro l’anno ci sia il lancio effettivo dei nuovi giochi.

Convegno sui Giochi Online

0

Si è svolto il 21 aprile a Milano il Convegno del Politecnico di Milano sui Giochi online, che rappresenta il primo di una serie di eventi pubblici che saranno tenuti non solo dal Politecnico ma anche da altri soggetti del mondo accademico e convegnistico. Le presenze in sala (oltre 600) hanno dimostrato il livello di interesse su questo mercato.
Nessuna particolare sorpresa riguardo ai contenuti mostrati, già noti agli addetti ai lavori e per chi segue questo mercato da un pò di tempo. Eventi come questo sono comunque da giudicare interessanti per il settore per due motivi:
– per educare il pubblico, e tracciare un confine tra i giochi legali e non;
– sdonagare un settore che troppo spesso viene visto come il parente meno nobile dell’ecommerce.
È inoltre interessante notare come in un’occasione del genere il tema dell’innovazione, delle nuove piattaforme e della multicanalità sia stato affrontato da Francesco Rodano di AAMS che oltre ad essere un tecnico della materia ha mostrato anche di essere un visionario sull’evoluzione dei giochi e della loro modalità di distribuzione.

Finalmente Poker Cash e Casinò in Italia

2

Finalmente dopo tante attese è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 marzo il decreto che introduce in Italia il Poker Cash ed i Casinò. Il decreto di 15 articoli introduce grandi elementi di novità per il mercato italiano tra cui i principali:

  • la tassazione del 20% delle somme che, in base al regolamento di gioco, non risultano restituite al giocatore per giochi di sorte a quota fissa a distanza con vincita in denaro e per i giochi di carte a distanza con vincita in denaro, organizzati in forma diversa dal torneo (cioè Casinò e Poker Cash);
  • la destinazione a montepremi del 90% della raccolta;
  • il diritto di partecipazione non superiore a 250€ ed il massimale della posta di partecipazione alla sessione di gioco in 1.000 euro;
  • l’attivazione di strumenti per l’autolimitazione e l’autoesclusione dal gioco che vanno obbligatoriamente attivati da tutti gli utenti che acccedono al gioco.

Si tratta quindi di un’importante cambiamento del quadro regolatorio e di mercato del quale presto saranno visibili gli effetti in termini di offerta ed anche in termini di nuovi player, già attivi all’estero su siti .com, che entreranno nel mercato italiano.

homeCUTdef559x394

Anteprima: il nuovo sito AAMS

2

AAMS rinnova il proprio sito istituzionale che, come è possibile vedere dall’anteprima avrà una nuova grafica ed una migliore razionalizzazione dei contenuti.

Oltre ai trazionali contenuti informativi ci saranno anche editoriali, report, gallerie fotografiche, brochure e documenti multimediali.

Attendiamo l’online del nuovo sito per avere anche finalmente una riordinazione della parte normativa.

Torna all'inizio
6sx