Poker

Portale

Titanbet.it Casino di Playtech – Review

2

Giocaigiochi, come ben sa chi ci segue, oltre agli articoli informativi sul mercato del gambling online dedica del tempo a recensire per i propri follower e per chi ha difficoltà ad orientarsi tra la pletora di servizi di cui pullula il web, le offerte che i diversi portali di gioco offrono, con una specifica focalizzazione sul mercato italiano. In questo senso l’articolo di oggi è dedicato a Titanbet.it, online sul mercato da fine 2011 e operante tramite regolare licenza AAMS.

Il portale

Titanbet.it di Playtech si contraddistingue senz’altro per un layout particolarmente curato, che si fa apprezzare già dal primo momento di navigazione e che potete apprezzare dallo screenshot seguente:

Oltre a questi (seppur importanti) aspetti, entrando nel tema a noi caro, il servizio offerto mostra da subito delle caratteristiche interessanti che permettono all’utente di apprezzarlo grazie alla possibilità di utilizzare i giochi sia tramite web che, per chi preferisce, attraverso il download di un’applicazione gratuita dedicata.

L’offerta

Questa è varia: il portale spazia dagli ormai classici e sempreverde poker sino ai più ricercati casinò, con giochi quali la Roulette, il Blackjack ed il Baccarat; dei primi due (Roulette e Blackjack) è inoltre disponibile una versione live, ai quali si aggiungono i live del Video poker e delle Slot Machine, dove tra queste riscuote particolare interesse Monthy Spamalot grazie ad un jackpot che ha già superato il 1.500.000€!

Per quanto concerne i bonus, tra i suoi punti di forza Titanbet.it ha sicuramente il bonus cumulativo di 2000€; per  i casinò il bonus è del 100% fino a 1000€ sul primo deposito, riscuotibili a scaglioni del 10% del volume di gioco totale e permettendo pertanto, a differenza di buona parte della concorrenza, ai giocatori di godere in tempi rapidi della somma così guadagnata. Mentre per il poker il bonus è del 200% fino a 1000€.

Dal punto di vista dei pagamenti, Titanbet.it mette a disposizione i metodi più diffusi: visa, Mastercard, PostePay, Skrill Moneybookers, Neteller, Paysafecard, bonifico istantaneo e bonifico normale, quindi le possibilità per gli utenti di poter accedere al servizio sono davvero ampie.

Il minimo di deposito e prelievo è di 10€ e le tempistiche per il prelevamento si attestano sui 5 giorni.

Infine, il portale non manca di un servizio di supporto in Italiano: in chat 24/7 e telefonicamente con orario continuato fino alle 22.00 al numero 800969016

davidecamera

Gaming & Business Intelligence, un matrimonio che s’ha da fare

0

Ringraziamo Davide Camera che in quest post ci ha voluto descrivere la relazione tra Gaming e Business Intelligence

Iniziarono a frequentarsi qualche anno fa e dopo anni di fidanzamento arrivò anche per loro il momento di convogliare a nozze. Un matrimonio quello tra il settore del Gaming e la Business Intelligence che assume oggi ancor più rilevanza in quanto la necessità di indirizzare correttamente le scelte strategiche aziendali sulla base di informazioni oggettive è una prerogativa a cui nessun manager può fare a meno.

Le aziende che operano nel mondo del Gaming sono titolari di un tesoro incredibile fatto di informazioni latenti pronte per essere esplorate, correlate ed analizzate.

I processi di CRM, in particolar modo di Social CRM, completano e forniscono un “enrichment” al Customer Database in ottica Big Data.

Ci sono tutte le premesse affinchè i progetti di Business Intelligence possano crescere e creare quella cultura “customer centric” che non guasta mai.

Prendiamo ad esempio le poker room online. Cosa può fare la Business Intelligence in concreto ? Se intraprendiamo un progetto di questo tipo siamo “nuts” o “drawing dead”?

L’esempio che faccio sempre in questi casi è molto semplice: care poker room, studiate e guardate i vostri clienti (che in molti casi sono dei professionisti e fanno di un gioco il loro lavoro) che utilizzano da sempre strumenti di Business Intelligence come Holdem Manager, Poker Tracker, etc. Perchè lo fanno? Semplice, per intraprendere scelte nel lungo periodo profittevoli, esattamente quello che dovrebbe fare ogni manager.  

Qualche esempio può chiarire meglio il concetto: 

  • lo studio delle modalità di fruizione del gioco (sng, cash, mtt, etc), della tipologia di gioco (holdem, PLO8, etc.) permette di ottimizzare il palinsesto di offerta della poker room
  • l’introduzione di vip system legati allo spending richiede, come in ogni altro settore, un continuo monitoraggio e un tuning dinamico
  • l’analisi dei dati di transato permette di effettuare forecasting sempre più precisi
  • le massicce campagne di marketing necessitano di una corretta identificazione del target e un continuo monitoraggio dei risultati che a loro volta devono diventare strumento per migliorare quelle future.
  • la crescente presenza social delle poker room necessita di strategie di engagement e di permission marketing che possano arricchire il Customer DB
  • la content analysis e la text analysis vi possono permettere di migliorare la comunicazione
  • l’analisi dei contenuti dei forum è fondamentale per anticipare problematiche latenti e può diventare un HUB di innovazione
  • il social customer care rappresenta un canale di fidelizzazione del consumatore

Questi sono solo alcuni esempi ma in un mercato come quello italiano, ancora giovane, rappresentano un punto di partenza per ottenere quel vantaggio competitivo che tutti cercano e sognano.

Davide Camera

@DavideCamera

Co-Founder & Senior Data Scientist

Excelle S.r.l.

casinomob

Lo stato del mobile Casino in Italia

0

Nonostante la recente crisi non si può certo dire che il mercato del gambling in Italia arretri, anzi, probabilmente proprio questa ha spinto nuovi utenti a sperimentare questa forma di intrattenimento.

Il gioco su mobile, in particolare sta registrando tassi di crescita elevati. Le previsioni per l’anno in corso danno il mercato in crescita rispetto al 2012 di oltre il 200%, grazie anche al proliferare di nuove applicazioni sui due principali sistemi operativi mobili dove attualmente si stanno concentrando le attenzioni dei concessionari: l’iOS di Apple e Android (si tenga presente che la penetrazione di dispositivi mobile in Italia supera il 160%, con oltre 10 milioni di tablet stimati per fine 2013 e 38 milioni di smartphone, praticamente uno ogni 2 abitanti). Sebbene già da diverso tempo il secondo abbia bannato ogni client afferente al gioco d’azzardo, questo non ha comunque scoraggiato i concessionari che offrono, tramite il proprio sito, la possibilità di installare gratuitamente l’applicazione di gambling.

Abbiamo pertanto voluto riassumere in due comode tabelle il parco applicazioni dedicata al gambling attualmente disponibili per dispositivi mobile, categorizzate per concessionario:

 

App concessionari 1

App Concessionari 2

 Nel complesso si può osservare come l’offerta si concentri principalmente nei giochi di carte e, chiaramente, nelle scommesse sportive, nonostante già diversi player abbiano sviluppato e diffuso più di una applicazione dedicata a giochi quali Slot Machine e Roulette.

Andando inoltre ad osservare la posizione in classifica delle migliori 50 app al 16 novembre 2013:

Nella categoria Sport, troviamo:

  • 2° Bwin sports
  • 3° SNAI sport
  • 9° Scommesse Sisal matchpoint
  • 15° Better di Lottomatica
  • 21° Eurobet scommesse sportive
  • 27° Intralot Mobile (Intralot Italia)
  • 33° Scommesse Paddy Power
  • 48° Scommesse (Betpoint)

Possiamo osservare come la situazione stia cominciando ad affollarsi, rispetto alle precedenti osservazioni. Lottomatica, dapprima unica app nello store, è stata affiancata ed ora scalzata da diverse concorrenti. Una posizione elevata sottintende un elevato numero di download e, pertanto, di scommesse.

Nella categoria games/casinò nessuna app dei concessionari si posiziona entro le prime 50 posizioni. Andando quindi ad osservare le prime 100:

  • 67° Bingo Club (lottomatica)
  • 88° Bingo gioco digitale
  • 89° SNAI Blackjack
  • 99° Paddy Power Casino e Slot

Sorte analoga per la categoria games/cards: le app dedicate al gambling cominciano ad apparire solo oltre la 90° posizione:

  • 91° Bingo Club (lottomatica)
  • 94 SNAI Sette e ½
  • 97° Sette e mezzo Casino Planet

Si tenga inoltre in considerazione che esistono anche altre modalità di fruizione del mobile gambling: tramite webapps numerosi concessionari bypassano gli store per offrire i propri giochi tramite un comune browser. Basti pensare a William Hill che offre sul proprio portale oltre 50 giochi differenti.

(Per discutere/approfondire il tema, contattateci liberamente)

terremoto_emilia

Tornei di Poker in aiuto ai Terremotati dell’Emilia

1

Per aiutare i terremotati dell’Emilia  Active Games ha messo in programmazione 6 tornei in cui gli operatori che hanno aderito devolveranno alla macchina degli aiuti la rake generata.

Ringraziamo per la loro generosità:

  • Betpro
  • Betpoint
  • Casinò Di Venezia
  • Casinò Italia
  • Gamenet
  • Gbet
  • Glaming
  • Joka
  • PuntoMatch
  • Unibet
  • Winga

DI SEGUITO I TORNEI IN PROGRAMMAZIONE:

 

Sabato 2 giugno 2012 ore 21

Torneo S.O.S. Terremotati – GTD 3.000€”

Buyin 100€

Visibilità in lobby 36 ore prima

Lunedì 4 giugno 2012 ore 21

Torneo S.O.S. Terremotati – GTD 1000€”

Buyin 30€

Visibilità in lobby 24 ore prima

Martedì 5 giugno 2012 ore 21

Torneo S.O.S. Terremotati – GTD 1000€”

Buyin 30€

Visibilità in lobby 24 ore prima

Mercoledì 6 giugno 2012 ore 21

Torneo S.O.S. Terremotati – GTD 1000€”

Buyin 30€

Visibilità in lobby 24 ore prima

 

Giovedì 7 giugno 2012 ore 21

Torneo S.O.S. Terremotati – GTD 1000€”

Buyin 30€

Visibilità in lobby 24 ore prima

Venerdì 8 giugno 2012 ore 21

Torneo S.O.S. Terremotati – GTD 1000€”

Buyin 30€

Visibilità in lobby 24 ore prima

pkr

Pkr.it online

0

Per i giocatori di poker online da pochi giorni vi è una novità interessante in Italia, si tratta di PKR.it. PKR è un network di poker indipendente noto da tempo agli appassionati di poker 3D, infatti la caratteristica principale del client di gioco è rappresentata dalla grafica particolarmente evoluta ed in 3D. I personaggi seduti al tavolo sono degli Avatar che ogni giocatore può personalizzare e gli ambienti di gioco sono in 3D.

In un mercato competitivo come quello italiano, PKR può differenziarsi dagli altri e trovare un proprio spazio. Giocando l’impressione che si ha è quello di un videogame, anche i movimenti dei giocatori al tavolo sono fluidi e ben costruiti.

PKR si indirizza quindi ad una parte dei giocatori molto attenti all’interfaccia di gioco ed in particolare alla grafica, del resto nonostante Pkr.it sia online da poco, già in molti ne conoscevano le caratteristiche peculiari. Sarà interessante osservare come PKR riuscirà a farsi spazio nel mercato taliano, dato che acquisire utenti a suon di bonus non sembra sarà la scelta che la poker room, guidata da un management di grande esperienza, intende adottare.

PER ISCRIVERSI A PKR USATE IL SEGUENTE LINK

Bwin.com Poker

Il Poker su iPhone – oltre 1,5 milioni di Apps in Italia

1

Fino un anno fa molti addetti ai lavori escludevano l’ipotesi che il poker, in quel momento in fase di vero e proprio boom, potesse riscuotere successo anche su mobile. Anche le stesse poker room scartavano ogni possibilità di lanciare una mobile apps per iPhone ma, l’arrivo del poker in modalità cash sembra aver cambiato le cose.

Già a gennaio del 2011 Bwin ha presentato la propria apps di poker per iPhone, che consente di giocare sia in modalità for fun che in real money. L’Apps non è ancora disponibile in Italia ma in Austria è al 9° posto tra le applicazioni di casinò più scaricate, in Francia è al 16° posto nella classifica delle applicazioni di casinò scaricate e in Inghliterra è tra le prime 100.

Qualche giorno fa anche PokerStars ha lanciato la sua applicazione per iPhone, si tratta di di un’apps che al momento consente di giocare solo for fun nella modalità cash e Sit & Go. Per giocare occorre però utilizzare l’account PokerStars, questo consentirà di studiare e comprendere il comportamento degli utenti ed il loro reale interesse all’utilizzo di un client di poker su smartphone.

Naturalmente ad ispirare questo passo non è stato solo l’arrivo del poker cash ma probabilmente anche il successo delle tante applicazioni di Poker su iPhone, prima fra tutte Zynga Poker che solo in Italia può contare su circa 800.000 download. Da segnalare anche l’interesse per Texas Poker di Pokerist.com con oltre 200.000 download ed infine tra le applicazioni a pagamento anche World Series of Poker Hold’em Legend che ha riscosso un grande interesse.

Se consideriamo quindi tutte le applicazioni di Poker scaricate dall’Apple App Store in Italia si supera la cifra di 1,5 milioni, un gran bacino di utenti da cui acquisire nuovi giocatori per i concessionari.

Buy-in Poker a 250 euro

2

Una delle recenti novità che ha visto le Poker Room italiane rincorrersi nella attività di comunicazione è la possibilità di aprire tornei a 250 euro di buy-in. L’impatto di questi nuovi tornei sarà significativo sia perchè saranno modificati i palinsesti sia perchè occorrerà adeguare i sistemi alle regole di autotutela del giocatore. Gli utenti delle Poker Room saranno chiamati infatti ad indicare i propri limiti di gioco e di deposito giornaliero, settimanale e mensile.

Una delle prime Poker Room a dare l’annuncio è stata iZiPoker che è stata subito seguita da altri player del Network iPoker di Playetch come Sisal e NetBet. Tra gli altri operatori ad aver superato il collaudo AAMS vi è GDPoker che ha già fatto disputare i primi tornei.

Si tratta quindi di un’offerta dedicata agli utenti più esperti necessaria a rivitalizzare un mercato e dei giocatori da troppo tempo in attesa del gioco Cash.

Max Pescatori

Un caffè con il Pirata

1

Oggi ho avuto una graditissima sorpresa, un autentico regalo fattomi dall’amico Marco Melai: una piacevolissima chiacchierata con Max Pescatori.

Max Pescatori

Max Pescatori

pokerscout

La classifica dei Network di Poker

0

Mentre si aspetta con ansia l’arrivo del Poker cash è interessante fare una riflessione su come si ridistribuirà, nel nuovo scenario, l’attuale “popolazione” di giocatori italiani online, in particolare se cambieranno gli equilibri di mercato tra gli attuali network di Poker.

Se confrontiamo i dati dei giocatori online forniti da Pokerscout è possibile avere un’idea della situazione attuale.


  • Pokerstars si conferma come il Network più importante in Italia con una media giornaliera di giocatori contemporanei, calcolata nei 7 giorni della settimana, di 4.800 e con un picco massimo giornaliero di oltre 12.000 utenti.
  • PeoplesNetwork di Microgame segue al secondo posto con una media di 4.500 giocatori al giorno;
  • Ongame si piazza al terzo posto ma è in decisa ascesa se confrontiamo il dato con quello dei mesi precedenti;
  • molto più contenuto il network PartyPoker che chiude la classifica con poco più di 500 giocatori.

Vedremo quindi cosa accadrà con il Poker Cash visto che gli attuali utenti valuteranno con attenzione il nuovo prodotto ed inoltre entreranno di sicurto nel mercato italiani altri network di primo piano a livello internazionale.

Ongame in Italia

3

Continua ad allargarsi il Netwok di Ongame in Italia che negli ultimi mesi ha registrato nuovi ingressi raggiungendo la quota 13 operatori. Oltre a Bwin e GiocoDigitale, il network conta nomi come: Winga, BetNow, Bet4Bet, Casino di Venezia, Fast Poker, Gmatica, TOBS, MatchGames, SportingBet, BetPro, e CasinòItalia.

Si tratta quindi ormai di un gruppo nutrito destinato a crescere ed a giocare un ruolo di primo piano nel mercato italiano.

I network di Poker in Italia

2

Spesso si parla dei diversi concessionari di gioco attivi nell’ambito del Poker citando il network al quale appartengono. Ma quali sono i network di Poker attivi in Italia? Con l’aiuto di Giovanni Carboni abbiamo provato a dare una foto dell’attuale situazione italiana.

Innanzitutto il network può essere definito come un insieme di poker room ospitati da un’unica piattaforma software di Poker.

In Italia al momento i principali network presenti sono:

  • Microgame, che ha un network di circa 20 concessionari ai quali si collegano altri titolari di sistema e skin per un totale di quasi 100 siti diversi che offrono il poker e che insieme a febbraio sono riusciti a cubare circa il 29% della raccota complessiva;
  • Pokerstars, la prima platform, al mondo, che per politica non ospita altri concessionari né opera tramite skin;
  • Playtech,  a cui fanno riferimento come provider concessionari Sisal, SNAI, Cogetech, Eurobet e Gamenet (che operano anche attraverso varie skin, tra cui Virgin); 
  • Ongame, di recente formazione e che rappresenta big del mercato come Bwin e GicoDigitale ma che comprende anche tra gli altri, Casinò di VeneziaGmatica e Betpro nonché Sportingbet e Parr come titolari di sistema (cioè che offrono il gioco tramite la concessione di uno degli altri concessionari);
  • PokerClub, che in realtà è la piattaforma proprietaria di Lottomatica e ospita il gioco con il brand Lottomatica e Totosì e, da poco, ospita anche Joka;
  • Leonardo Service Provider utilizzato da alcuni concessionari tra cui Betting2000 e Bestingame (che peraltro dispone anche dell’autorizzazione per una platform autonoma) ospita una decina di skin e Dollarobet;
  • Microgaming, che dopo Ladbrokes sembra intenzionato ad allargare il network italiano;
  • Infine PartyGaming che è tra i primi network al mondola cui platform ospita Intralot e che offre il gioco anche tramite 4A.

Il ruolo del network se è stato cruciale nel momento del lancio del poker online in Italia lo diventerà ancor di più ora all’avvvio dei cash games per due ragioni principali:

  • il livello di liquidità che riescono a garantire, cioè il numero di giocatori presenti;
  • la tipologia di piattaforma ed i moduli disponibili.

Quest’ultimo aspetto spesso trascurato si rivela importante soprattutto in ottica evolutiva. Alcune piattaforme sono esclusivamente web based o con client altre, invece, mettono a disposizione interfacce Flash, Java e client eseguibili. Inoltre alcune prevedono già un modulo mobile o Interactive TV altre no. Sono quindi tutti elementi che vanno valutati in fase di startup ma non solo.

Al momento difficile prevedere se la diffusione del Poker Cash cambierà il peso dei vari network sul mercato italiano che vede soprattutto l’affermazione di alcuni network: Microgame, Playtech, PokerStars e Ongame. Di sicuro i nuovi player che entreranno nel mercato drovranno effettuare una scelta o magari ripetere la scelta già fatta all’estero e ciò giocherà a favore di piattaforme internazionali come Playtech e Microgaming.

I libri che insegnano a vincere a Poker

1

La letteratura sul poker sta avendo sempre più grande successo tanto che oramai tutti i libri inglesi vengono tradotti in italiano. Abbiamo quindi preso in rassegna alcuni libri di maggior successo

La letteratura sul poker è quindi ormai tanto ricca è variegata che non è difficile trovare testi in grado di spiegare come migliorare le proprie capacità di gioco. Occorre però sottolineare come come studiare il poker sia cosa ben diversa con la pratica e le emozioni che derivano dal gioco del poker. Pertanto per imparare il consiglio migliore è di affiancare la lettura alla pratica: anche dopo 10 libri sul poker non potrete considerarvi esperti del gioco.

Molti dei libri in circolazione sono stati scritti proprio dai migliori poker pro del mondo e pertanto la lettura dei libri sul poker può risultare davvero istruttiva.

Grazie al crescente interesse per il poker in Italia trovare traduzioni di questi libri oggi non è più difficile come qualche anno fa. Ce ne sono per tutti i gusti: il manuale base per cominciare a giocare a poker e capire le regole oppure libri di alto livello, per esperti del gioco, con le tattiche e le strategie dei poker pro che hanno valso loro la vittoria di prestigiosi braccialetti.

Tra i libri che non dovrebbero mancare nella libreria del giocatore di poker immancabile, senza dubbio è La Teoria del Poker dell’americano David Sklansky, uno dei maggiori rappresentanti del poker sportivo, il libro spiega in maniera molto chiara come mettere in pratica la teoria del poker con capitoli tematici riguardanti il gioco del poker e le sue varianti. Si parla della posizione al tavolo, il bluff, strategie come lo slowplay e tante altre cose che ogni giocatore dovrebbe conoscere. David Sklansky, durante la sua carriera, ha vinto tre braccialetti alle WSOP, il campionato di poker più prestigioso del mondo.

Oltre alla Bibbia del Poker scritta da Sklasnsy, ci sono altri libri validi come “Small Stakes Holdem: Winning Big with Expert Play” e “7-Card Stud: 42 Lessons How to Win at Medium & Lower Limits”. Si tratta di libri adatti ai neofiti del poker curato sempre dal campione David Sklansky insieme a Ed Miller e Mason Malmuth, professionisti anche loro del settore.

Questi due libri vi permettono di acquisire tutte le conoscenze basilari del poker e della variante più popolare Texas Hold’em. Il secondo è dedicato interamente a una variante di poker meno popolare, il 7 Card Stud, ma non per questo meno divertante. Molto utile la sezione riguardante i tornei Stud.

Ma non ci sono solo autori americani tra gli autori dei libri sul poker, merita una lettura il libro italiano dedicato al 7 Card Stud scritto da Antonio Cerruti e Giulio Ravagni dal titolo “Seven Card Stud – Low Limit”.  Sempre Made in italy è il libro la Filosofia del Poker scritto da Fabrizio Mercantini. In realtà la letteratura sul poker è molto più vasta e ricca sopratutto di testi in lingua inglese. Molto utili sono anche le riviste specializzate, presenti ormai anche in Italia che non solo discutono di strategie del poker ma anche di novità provenienti dal mondo del poker live e online.

Pokeritalia24

0

Che il Poker fosse un contenuto attraente anche per il pubblico televisivo, lo si era intuito dallo spazio crescente che ad esso viene dato nei palinsesti di Mediaset e Sky.  Su Italia1 infatti Poker1mania ha ormai nun suo spazio, mentre Sky risponde trasmettendo i tornei della notte del Poker Club o di Snai.

Ma da qualche giorno invece è nato un canale televisivo che si occuperà solo ed esclusivamente di Poker, a testimonianza di come questo gioco oltre ad essere un fenomeno di costume è per alcuni anche una passione. Si tratta di Pokeritalia24, la nuova rete televisiva del gruppo DeAgostini Editore che trasmette sia su Digitale terrestre che su satellite con un palinsesto è completamente dedicato al Poker. Il direttore del canale è Maurizio Caressa ex Country Manager di King.com. L’iniziativa sembra destinata ad una nicchia di appassionati del gioco, ma è una nicchia che interessa molto visto che è in grado di generare volumi di gioco elevati. Staremo a vedere se da Pokeritalia24 nasceranno nuove idee o nuovi format visto che all’interno dello stess geruppo ci sono altre 2 società che si chiamano Magnolia e Lottomatica.

Poker Cash: cosa cambierà per i giocatori italiani

0

Secondo le ultime voci di corridoio dobbiamo aspettare marzo per avere il regolamento di AAMS che permetterà il gioco del poker online in modalità cash. Sia gli operatori che gli utenti stanno aspettando con ansia questo momento: all’estero è la modalità cash la preferita dai giocatori, grazie alla sua flessibilità.

A differenza della modalità torneo di poker, attualmente l’unica legale in Italia, in modalità cash il giocatore può sedersi al tavolo con la quantità di fiches che preferisce, comprare nuove fiches e alzarsi quando vuole. Evidenti vantaggi e svantaggi: la spesa per l’utente nel torneo è fissa e pari all’iscrizione. Nel poker cash, salvo disposizioni del legislatore – si vocifera un limite di 1000 euro, non ci sono limiti a quanto un giocatore può portare con sé al tavolo e perdere. Ma d’altra parte, le partite sono più brevi: non serve rimanere al tavolo fino alla fine, sopportando la tensione e facendo contare ogni mano. Il gioco non finisce con un’eliminazione. Lo scopo è vincere quante più mani possibile e c’è sempre la possibilità di rifarsi a un altro tavolo dopo una pausa per riprendere la concentrazione. L’esperienza è più simile a quella del poker live.

Cambia quindi completamente l’approccio al gioco. I professionisti del poker consigliano ai novellini di iniziare sempre giocando in modalità torneo, per limitare le perdite mentre si fa esperienza. Ma è chiaro che è ai tavoli cash che è possibile accumulare vincite più sostanziose in un tempo minore. Il poker cash è anche più fruibile, visto che la partita termina quando il giocatore lo decide, questo permette di giocare nei ritagli di tem

Poker a squadre: perché alcune non sembrano competitive

0

Proprio in questi giorni diverse poker room online stanno presentando, o si apprestano a presentare, al pubblico le proprie squadre di giocatori che li rappresenteranno nei tornei live.

Far parte di una squadra di poker ha fondamentalmente due significati.

Può essere inteso come giocare per i colori di una nota sala da poker o gruppo di giocatori, oppure, in senso letterale, come essere membro di una squadra che partecipa a un torneo, il cui esito dipende dalla prestazione di tutti i componenti del team.

Nel primo caso, si tratta praticamente di una sponsorizzazione. La sala da poker (come può essere Poker Stars) o gruppo di giocatori (IPP o PSU ad esempio) assistono il giocatore e coprono parte o tutte le spese per la partecipazione a un torneo. D’altra parte, il giocatore grazie ai suoi successi, garantisce una buona pubblicità ai suoi sponsor. Chi non vorrebbe imparare le basi del gioco nella sala da poker in cui si è fatto le ossa un campione?

Nel secondo caso, invece, siamo in ambito competitivo. Esistono numerosi tornei a squadre organizzati dalle sale da poker online o da appassionati. In questa modalità di gioco, ogni membro della squadra gioca a un tavolo e la classifica finale viene formata prendendo in considerazione le prestazioni dei singoli componenti del team.

In questo secondo caso, è evidente che comporre la squadra utilizzando le migliori risorse disponibili è un must per sperare di arrivare al premio finale. Nel primo caso, invece, spesso la composizione del team è dettata anche da considerazioni pubblicitarie. Capita infatti di trovare squadre di sale blasonate composte da veri professionisti del poker, che portano prestigio alla sala e richiamano i giocatori più esperti, e da personaggi pubblici che in realtà non hanno una grande dimestichezza col poker, utilizzati per far avvicinare al mondo del poker il pubblico più vasto.

Torna all'inizio
6sx