ePayment

cartasi-buongiorno

Mobile Payment in Italia 2011

0

Abbiamo spesso parlato di Mobile Payment in GiocaiGiochi (Mobile Payment fo Gaming, 6 attese per il 2011,) anche se dall’inizio del 2010 non è cambiato molto in Italia, ma si è assistito comunque ai primi, anche se limitati, trial NFC ed all’avvio dei primi servizi di remote payment primo fra tutti Bemoov di Movincom.

Una delle novità in questo campo è rappresentata dalla partnership annunciata tra CasrtaSi e Buongiorno nel campo dei pagamenti. L’obiettivo dell’alleanza è il mercato dell’ecommerce grazie al nuovo borsellino elettronico SiPay di CartaSi ed il sistema di pagamento tramite credito telefonico di Buongiorno CashLog.

Cashlog in partiolare si rivolge a quegli utenti che non hanno o non vogliono utilizzare la carta di credito e si indirizza ad una serie di transazioni di mcommerce e di acquisto di beni e servizi digtali con particolare attenzione al mondo del gaming.

Si tratta quindi di un’offerta che potrebbe indirizzare presto il mercato del gambling considerata anche l’atteso sviluppo su mobile, visto che le operazioni di ricarica dei conti di gioco da mobile potrebbero essere un fattore di freno se limitate all’utilizzo della crata di credito. Inoltre occorre ance tener presente che proprio Buongiorno è attiva nel mercato degli skill games con Winga.

Aggiorniamo questo post con l’ultima notizia dei giorni scorsi relativa alla maxi alleanza tra 6 Telco italiani: Tim, Vodafone, Wind, 3 Italia, PosteMobile e Fastweb per la creazione di una piattaforma condivisa per il pagamento dei contenuti e servizi digitali tramite credito telefonico. Tra i primi merchant ad aderire all’iniziativa una serie di editori: Gruppo Caltagirone Editore, Class Editori, Guida Monaci, Espresso, Il Sole 24 Ore, La Stampa, Microsoft Italia, Mondadori, Monrif/Poligrafici Editoriale, Paperlit, RCS, Shenker, L’Unione Sarda. La soluzione prevede che il numero di cellulare rappresenterà l’identificativo dell’utente e non servirà fornire altri dati aggiuntivi (nome, cognome, …) indipendentemente dal device da cui viene effettuata la transazione, quindi anche da PC.

La piattaforma si posiziona quindi sul mercato italiano in competizione con Cashlog di Buongiorno e Onebip di Neomobile, tutte insieme raprresentano comunque una risposta al cambiamento del mercato dei mobile content con l’avvento degli Application Store (Apple e Android) ed è facile immaginare che anche il payout da loro praticato si avvicinerà al 70-30 (70% per i content provider e 30% al Carrier) praticato dai principali Mobile Store.

Di sicuro l’elemento innovativo di questa iniziativa è rappresentato dal fatto che gli operatori di telecomunicazione hanno agito in modo sistemico emulando quanto già accade in altri paesi d’Europa.

skrill

Moneybookers diventa Skrill

0

Moneybookers è senza dubbio uno dei principali payment service provider al mondo con un network di oltre 70.000 merchant ed oltre 15 milioni di ewallet sottoscritti. Uno dei settori in cui Moneybokkers ha avuto maggior successo è proprio il Gambling e rappresenta uno dei principali strumenti di ricarica dei conti di gioco.

Anche in Italia Moneybookers ha raggiunto un’ottima presenza tra i giocatori italiani di poker online e betting ed ed è utilizzato dai principali operatori del gioco. Presto Moneybookers presto cambierà nome e diventerà Skrill. Si tratta di una grande operazione di rebranding volta a rendere più appeal il servizio alla clientela di massa, infatti skrill è una parola slang e significa denaro. Naturalmente il cambiamento non riguarderà solo il nome ma ci saranno novità anche sul fronte dei servizi soprattutto con nuove funzionalità per mobile e Mobile Apps.

paysafecard

Paysafecard all’Esselunga

5

Ripropongo questo post di qualche mese fa visto l’interesse di questi giorni su Paysafecard

Nel post Payment Solutions, occupandoci dei vari sistemi di pagamento utilizzati dai maggiori concessionari italiani, avevamo citato Paysafecard utilizzata al momento da Partypoker, Bwin, Mistertoto e Power Poker (Cogetech).

E’ stato quindi interessante notare tra le gift card distribuite presso una delle più importanti catene di supermercati italiani le carte prepagate Paysafecard.

paysafecard

Rispetto ad altri strumenti prepagati utilizzati per gli acquisti su internet, la presenza presso la GDO è sicuramente un fattore differenziante di rilievo.

Mobile Payments for gaming

3

[print_link]

Uno degli aspetti fondamentali che i concessionari si ritroveranno a risolvere man mano che cercheranno di sviluppare il mobile betting, ma non solo, è rappresentato dalla possibilità di disporre di forme di pagamento che consentano di ricaricare e gestire il conto di gioco ovunque utilizzando il telefono cellulare.

La soluzione è rappresentata dai mobile payments, cioè dalla possibilità di inizializzare una catena di pagamenti da telefono cellulare. I vantaggi derivanti dall’utilizzo dei Mobile Payments per i concessionari sono quindi legati non solo alla possibilità di introdurre nuove modalità di gioco ma anche dalla possibilità di beneficiare della riduzione dei costi di ricarica dei conti di gioco, dei costi di gestione del contante e dalla possibilità di indirizzare nuovi target di utenti.

In Italia i servizi di mobile payments hanno una diffusione limitata, ma l’interesse dei grandi player del mondo finanziario e degli operatori di Telecomunicazione è elevato. Finora i principali soggetti presenti su questo mercato sono:

  • Postemobile, l’MVNO lanciato da Poste Italiane;
  • Noverca, MVNO nato dall’alleanza tra Acotel e Intesa San Paolo;
  • Movincom, un consorzio che aggrega una serie esercenti interessati ad attivare servizi di mobile payments;
  • OneBip, società italiana che ha realizzato un sistema di pagamento tramite cellulare per l’acquisto di beni e servizi in vendita online.

Nel 2010 si attende il lancio delle applicazioni di Mobile Payments da parte di Telecom Italia e PayPal, già attivo all’estero, ma è facile prevedere che le novità saranno tante.

I prodotti e servizi che ad oggi è possibile acquistare tramite mobile payments sono:

  • contenuti multimediali quali loghi, suonerie, musica, download di giochi, abbonamenti a riviste/news online, accesso a siti, etc..;
  • Acquisto di servizi di entertainment come ticket per concerti, mostre e cinema, oppure contenuti video premium;
  • Mobile ticketing per trasporto pubblico e privato;
  • Mobile parking, ovvero l’utilizzo del cellulare per gestire transazioni relative a servizi di parcheggio in aree dedicate.

Presto a questi servizi si affiancherà il betting ed i mobile skill games con servizi che daranno la possibilità di effettuare  ricarica del conto di gioco (da utilizzare per scommesse e giochi) e di giocare direttamente dal cellulare (es. gratta e vinci, scommessa live). Lo scenario di utilizzo cambiare naturalmente a seconda della modalità di svolgimento del gioco cioè attraverso m-site o applicazione Java (SMS based). Il trasferimento dei fondi sul conto di gioco avverrà attingendo a diverse fonti di prelievo: conto corrente, carta di credito oppure borsellino elettronico convenzionato con il concessionario di gioco associato ad una carta di credito. Stiamo escludendo al momento la possibilità di utilizzare la disponibilità presente nel conto telefonico, dato che questo dipende esclusivamente dalla volontà degli operatori TLC che non sembrano intenzionati a cedere un credito spendibile in servizi, voce e dati, che assicurano comunque un margine superiore a quanto riuscirebbero ad ottenere destinando qugli stessi fondi a giochi e scommesse.

All’estero i provider di servizi di Mobile Payments hanno già tra i propri merchants provider di casinò, poker e betting online. Tra gli esempi più importanti da citare:

  • Paybox, società austriaca, pioniere nei pagamenti mobili che ha tra i suoi merchant oltre 15 siti di casinò e scommesse;
  • Mobipay, joint venture formata dai principali operatori di telefonia mobile spagnoli che consente di partecipare a diverse lotterie tramite cellulare;
  • Ukash, che tra i suoi partner ha diversi mobile casinò;
  • Payforit, utilizzato dagli utenti Vodafone in UK per ilmobile casinò Spin3.

Occorrerà osservare nei prossimi mesi come si muoveranno i ledear di questo mercato primo fra tutti Obopay che lancerà con Nokia il servizio di Mobile Payments Nokia Money, applicazione di pagamento che sarà embedded nei cellulari Nokia.

Payment Solutions

1

Un elemento importante nella strategia di sviluppo dell’online di un concessionario è rappresentato dai sistemi di pagamento utilizzati per movimentare il conto di gioco.

Disporre di soluzioni di pagamento diffuse ed efficienti riduce sicuramente le barriere all’ingresso di nuovi utenti e può consentire anche di incrementare il numero il numero di giocate medie su uno stesso conto. Inoltre è ormai condiviso da tutti che tipicamente il giocatore online ha conti di gioco su più provider, quindi disporre di un sistema di pagamento che sia trasversale a più concessionari di gioco (oltre che il livello di payout) può rappresentare un elemento di valutazione importante da parte di quella fascia di utenza rappresentata dai giocatori più evoluti.

Abbiamo quindi cercato di mettere a confronto i diversi sistemi di pagamento utilizzati dai principali concessionari italiani per capire quali sono i più diffusi.

Name

creditcard

postepay

moneybookers

neteller

paypal

clickandbuy

paysafe

Bestingamescheckcheck
Betfaircheckcheck
Bettercheckcheckcheck
BWINcheckcheckcheckcheckcheckcheckcheck
Cogetechcheckcheck
Eurobetcheck *checkcheck
Giocodigitalecheckcheckcheckcheck
Intralotcheckcheck
Ladbrokescheckcheckcheckcheck
Sisalcheckcheck
Partypokercheckcheckcheckcheckcheckcheck
People's
Poker
checkcheckcheckcheck
Pokerstarscheckcheckcheckcheckcheckcheck
SNAIcheck
Totosicheckcheckcheckcheck

* no Mastercard

Appare chiaramente come alcuni concessionari come Bwin, Partypoker e Pokerstars abbiano deciso di dotarsi del più ampio numero di sistemi di pagamento possibile, mentre altri con una presenza fisica sul territorio utilizzano principalmente carte di credito (Visa, Mastercard)  e Postepay. Da segnalare come alcuni concessionari abbiano anche lanciato, o siano in procinto di lanciare carte brandizzate prepagate, ma si tratta di strumenti chiusi, che non hanno circolarità e sono destinati a rimanare circoscritti all’interno della base clienti di un singolo concessionario.

Abbiamo dato per scontato l’utilizzo del bonifico bancario che però riteniamo poco in linea con le esigenze di un mondo tipicamente online.

Siamo certi che la situazione rappresentata nella tabella è una destinata a cambiare rapidamente e che a breve si inseriranno anche sistemi di pagamento via cellulare  (mobile payments) che anche grazie al lancio dei primi servizi di Mobile Betting, sono destinati a divenire uno strumento di pagamento sempre più vicino al mondo del gioco online.

Torna all'inizio
6sx