Abbiamo già affrontato il tema delle mobile gambling application sottolineando come non si potrà fare a meno degli Application Store come principale canale di ditribuzione. Infatti all’interno dei principali Application Store per smartphone e tablet i giochi hanno ormai una quota significativa, in alcuni come l’Apple App Store per iPhone e iPad, Windows Marketplace e Blackbarry App World, rappresentano più del 40% delle prime 300 applicazioni free e a pagamento.

Apple rappresenta la piattaforma di riferimento e la quota dei giochi sembra destinata ad aumentare se si osserva che da gennaio a giugno del 2011 il numero delle applicazioni di gioco è cresciuto più velocemente rispetto a quello delle applicazioni di altra tipologia.

Anche il mondo del Mobile Gambling sembra essersi concentrato su Apple in particolare iPhone, anche se ancheAndroid è destinato a recitare un ruolo importante come piattaforma di sviluppo delle applicazioni, anche se lato distribuzione al momento ci sono delle restrizioni sulla pubblicazione di applicazioni di gambling. Tale ostacolo viene comunque superato grazie alla possibilità che gli utenti di Android hanno la possibilità di scaricare le applicazioni non soltanto dall’Application Store, come avviene con Apple, ma anche via web o con invio di un link al telefono (es, via mail o sms).

Al momento sull’Apple App Store sono disponibili poche applicazioni di gambling ma sicuramente siamo solo agli inizi, entro la fine dell’anno solo in Italia si passerà da un’unica applicazione di mobile betting (Better di Lottomatica) attualmente presente a circa 10 applicazioni tra mobile bettingmobile casinò.

Abbiamo quindi voluto approfondire questo aspetto e verificare quali sono e come si posizionano le varie applicazioni di gambling all’interno dell’Apple Store in Italia ed all’estero prendendo come riferimento il relativo ranking, basato sull’andamento dei download, tra le categorie dei Giochi di Casinò (Roulette, …), Giochi di Carte (Poker e Blackjack) e Sport (Mobile Betting). Naturalmente gran parte delle applicazioni sono for fun, ma è interessante rilevare come nei diversi mercati le applicazioni for money stiano guadagnando le preferenze degli utenti:

  • UK, anche sul mobile hanno anticipato gli altri mercati. Tra i giochi di casino (riproposti anche nella categoria giochi di carte) figurano al 61° posto Bwin Poker all’78° posto Ladbrokes Blackjack. Tra i giochi di Sport, categoria in cui rientrano le applicazioni per il betting, Paddy Power è al 20° posto, Betfair invece è al 28°;
  • Francia, mercato sicuramente più giovane di quello italiano ma che sotto molti aspetti ha mostrato capacità di innovarsi più velocemente. Il mobile betting di PMU è addirittura al 9° tra le applicazioni di Sport più scaricate mentre al 94° si posiziona BetNet (ippica). Tra i giochi di casinò da segnalare anche il buon posizionamento di Bwin Poker al 25° posto, mentre Winamax POker è al 2° posto;
  • Irlanda, è uno dei mercati più interessanti dal punto di vista dell’attenzione da parte degli utenti ed operatori verso il mobile gambling, sopratutto se dedicate al betting. Infatti tra le applicaziondi di Sport al 2° posto troviamo Paddy Power, Racing Post (ippica) di William Hill è al 3° posto, al 10° Sport bet di Ladbrokes, al 15° Betfair Client, al 102° betdaq applicazione per il betting exchange. tale numerosità non si riscontra lato giochi di casinò in cui troviamo solo Ladbrokes Blackjack è al 104° posto;
  • Italia, è tra i paesi che da pochissimo hanno avviato le prime sperienze di mobile gambling. Lato giochi di casinò al momento non esiste una appluicazione for money. Vi sono sooltanto alcune applicazioni legate ai giochi dei concessionari italiani come People’s TV, GDPoker clock e Bwin Poker clock, tramite le quali non è possibile però giocare. Lato mobile betting l’unica applicazione presente è Better di Lottomatica.

Emerge quindi chiaramente come il mobile gambling in Italia sia solo alla fase iniziale nonostante il mercato italiano sia ad esempio più maturo rispetto a quello francese. Si tratta quindi di un mercato ancora inesplorato e poco utilizzato sul quale gli operatori dovranno necessariamente investire nei prossimi mesi e nel quale occorrerà muoversi con il giusto approccio.