Ho chiesto ad Enrico Rusi di darci la sua opinione sul mercato dei giochi online nel 2010. Di seguito il suo post

Il 2009 è stato sicuramente la conferma che il Poker sportivo in versione Texas Hold ‘em è molto piu’ di una semplice moda.
Dopo le prime timide previsioni prima del lancio dello scorso autunno quando si parlava di 400 milioni sull’anno,
si è subito percepito che il nuovo gioco limitato alla liquidità nazionale e alla versione torneo avrebbe dato enormi soddisfazioni. Oggi la soglia dei 2 miliardi è una certezza, ma cosa succederà per il 2010?

Sicuramente il poker sarà ancora la “killer application” dei giochi online e tutte le aziende si stanno preparando per partire in quarta sulla modalità cash che le ultime indiscrezioni danno live a fine gennaio.
Sarà tutto confermato? Chi saranno i primi attori a “riportare” sul territorio i giocatori cash che ancora giocano sul .com?

Ma il 2010 sarà anche l’anno del lancio di nuovi giochi e nuove piattaforme che sono oggi presenti sul mercato internazionale.
Gli skill games puri non hanno generato finora volumi confrontabili con il poker ma secondo molti operatori di mercato ci sono margini di differenziazione attraverso i giochi cosidetti italiani.
Visto il successo delle applicazioni fun su iphone perchè non puntare su briscola, scopa e tresette? Questi giochi, insieme ad alcuni altri come la bestia, fanno parte della cultura italiana e potrebbero incrementare quella voglia di mettersi alla prova giocando “pocket money” con gli amici della rete e far innalzare l’Arpu del cliente.

Alto punto interrogativo sarà il Bingo Online. Ormai atteso da tanto tempo il gioco è stato finalmente lanciato anche se finora il modalità fun ( Sisal). Diverse piattaforme internazionali stanno sondando il terreno ma le previsioni sono abbastanza discordanti. C’è chi parla di un mercato da 100 milioni anno chi prevede una grande sorpresa a livello di numeri supportata dai nuovi side casino games che dovrebbero essere live nel corso del primo semestre.

Infine non sono da dimenticare i classici giochi come Ramino, Scala40, Burraco e tanti altri che presentano buone community online che potrebbero essere disposte ad investire.

Enrico Rusi